Consulenza alla leadership

Responsive image

L’efficacia individuale è la chiave del successo di ogni persona e quando si tratta di un leader aziendale lo è ancora di più. Quotidianamente nel cambiamento, la sua affidabilità e autenticità derivano dal conoscere i propri desideri, risorse, capacità e obiettivi, così come ciò che lo motiva, ispira, tiene vivo e dà forza. Saper gestire in modo costruttivo l’intelligenza emotiva lo mette, poi, a suo agio di fronte alle nuove situazioni, lasciandogli cogliere le opportunità che queste offrono.

Di fronte a situazioni che si modificano, punti di riferimento che si spostano, abitudini e convenzioni che mutano, un’efficacia o leadership individuale in salute aiuta a mantenere ben in vista gli obiettivi e a rispondere in modo più proattivo e flessibile a ciò che si trasforma dentro, fuori e intorno a noi.

Esercitarsi a guidare se stessi permette, dunque, di funzionare sempre meglio nell’ampia gamma di ambiti che riguardano tutto il proprio essere - intrapersonale, interpersonale, sociale, emotivo, professionale, spirituale, affettivo, organizzativo, ecc. – e di divenire abili nella leadership interpersonale, capaci di fidarsi e comunicare con gli altri per realizzare progetti che sono molto più della somma dei contributi dei singoli.

Questo livello di efficacia relazionale prepara a guidare e ispirare gli altri, restituendo loro la fiducia nella capacità di guidarsi da sé, attitudine ben definita dal termine empowerment. Si parla dunque di leadership di chi guida gruppi e team, caratterizzata dall’essere sempre più partecipativa e generativa.Qui si esprimono nuove capacità, come saper lavorare in base a valori che creano benessere per tutti coloro che sono coinvolti, essere disposti a modificare i processi per renderli più snelli, fluidi ed efficaci, essere aperti all’innovazione sostenibile e alla trasformazione di cultura, valori convinzioni, abitudini e comportamenti perché risultino adeguati al nuovo contesto da realizzare, avere intuito e lasciarsi guidare da esso, avere fiducia in qualcosa di più grande, avere un mindset apprezzativo, un ascolto generativo, una comunicazione adeguata alle situazioni – sfidante, direttiva, empatica o altro ancora - ed essere collaborativi, umili, sempre autentici.

Abbiamo ancora un gradino da salire perchiudere il cerchio di ciò che le organizzazioni necessitano tenere in conto per produrre cambiamenti culturali dall’impatto trasformativo. Lo sviluppo della leadership individuale, della leadership interpersonale, della leadership di chi guida gruppi e team deve, dunque, anche comprendere quello della leadership aziendale, livello in cui si condividono con tutte le persone dell’azienda mission, vision, valori, processi, strutture e sistemi organizzativi e si allinea tutto ciò a convinzioni, comportamenti e parole. Quando le persone sanno e comprendono, provano un senso di appartenenza e possono scegliere liberamente e volontariamente di stare a bordo perché si divertono, stanno bene, hanno voglia di fare e di creare valore e agiscono con partecipata consapevolezza, senso di responsabilità e presenza.Cosà può avere bisogno più di questo - più di persone felici, realizzate e coinvolte - un’azienda per eccellere?

Tutto il processo di trasformazione evolutiva di un organizzazione parte, dunque, dalla leadership individuale, allo sviluppo della quale va dato costante attenzione e supporto.

Per usare una metafora che mi è cara, questo allenamento rende flessibili come un giunco, una canna di bambù che scossa dal vento, battuta dalla pioggia, scaldata dal sole sa assecondare gli eventi e poi tornare al suo posto per continuare la sua crescita